Nelle ricorrenze mariane di questi giorni, un invito a «Vivere Maria».

È così bella la Mamma nel perenne raccoglimento in cui il Vangelo ce la mostra: «Serbava tutte queste cose nel suo cuore» (Lc 2, 51).  
Quel silenzio pieno ha un fascino per l’anima che ama.  
Come potrei vivere io Maria nel suo mistico silenzio quando la nostra vocazione è a volte parlare per evangelizzare, sempre allo sbaraglio in tutti i luoghi ricchi e poveri, dalle cantine alle strade, alle scuole, ovunque?  
Anche Maria ha parlato. E ha dato Gesù. Nessuno mai al mondo fu apostolo più grande. Nessuno ebbe mai parola come lei che diede alla luce il Verbo incarnato.

Maria è veramente e meritatamente Regina degli Apostoli.  
E lei tacque. Tacque perché in due non potevano parlare. Sempre la parola ha da poggiare su un silenzio, come un dipinto sullo sfondo.  
Tacque perché creatura. Perché il nulla non parla. Ma su quel nulla parlò Gesù e disse: Se stesso.  
Iddio, Creatore e Tutto, parlò sul nulla della creatura.  
Come allora vivere Maria, come profumare la mia vita del suo fascino?  
Facendo tacere la creatura in me, e su questo silenzio lasciando parlare lo Spirito del Signore. Così vivo Maria e vivo Gesù. Vivo Gesù su Maria. Vivo Gesù vivendo Maria.  

Chiara Lubich, Scritti Spirituali/1 pp 31-32

 

buca delle lettere

Contact Icon

Saremo grati a quanti ci faranno pervenire ricordi, documenti inediti, foto... per arricchire l'archivio di Chiara Lubich.
per inviarceli subito

chi è online

Abbiamo 125 visitatori e nessun utente online

login staff

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.